COMUNICATO – La Polizia Penitenziaria entra nella Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo! Si.N.A.P.Pe: un traguardo importante ma anche un nuovo punto di partenza!

Il 10 settembre segnerà un nuovo “compleanno” per il Corpo di Polizia Penitenziaria; sarà quella la data in cui, in aderenza alle disposizioni della legge 132/2018, il Corpo di Polizia Penitenziaria – per la prima volta nel suo trentennio di storia – entrerà a pieno titolo, con un proprio Nucleo, nella prestigiosa e strategica “Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo”. Non è un punto di arrivo per il Dott. Roberto SANTINI, Segretario Generale del Si.N.A.P.Pe, che vede piuttosto in questo storico evento, il punto di partenza per una polizia penitenziaria “rinnovata”, sempre più attuale, sempre più partecipe delle dinamiche di contrasto della criminalità. “In un primo momento saranno 7 le unità a diretta disposizione del Procuratore Nazionale Antimafia – spiega il leader del Si.N.A.P.Pe – ma nutriamo aspettative di una evoluzione numerica che andrà di pari passo alla comprensione dell’essenzialità del costituendo servizio” “La professionalità penitenziaria – per quanto inserita a pieno titolo fra quelle delle altre forze dell’ordine a servizio dello Stato – si arricchisce di un valore aggiunto dato dalla quotidiana gestione degli esponenti della criminalità, che consente l’acquisizione di meccanismi di osservazioni che continuano ad essere prerogativa propria della Polizia Penitenziaria. Sulla base di queste premesse siamo certi che l’opera del nostro Corpo si guadagnerà presto il titolo di imprescindibilità” “Per altro – prosegue Santini – lo stesso Procuratore Nazionale, Cafiero De Raho, riconosce le grandi potenzialità della Polizia Penitenziaria nello scenario di collaborazione che si va tacciando, sotto la duplice strada della prevenzione e della repressione” “Le risposte che ci stanno giungendo dal Capo del Dipartimento, Pres. Bernardo Petralia, nel percorso di valorizzazione del Corpo – conclude Santini – ci conducono ad affermare che si sta lavorando bene”