COMUNICATO – Roma “Regina Coeli” – “L’ennesima aggressione, il consueto silenzio dell’Amministrazione Penitenziaria”

Anche oggi siamo costretti a registrare la vile aggressione subita da un appartenente al Corpo della Polizia penitenziaria.
Questa mattina, infatti, nell’Istituto trasteverino un detenuto, durante una attività di routine, ha sferrato un pugno colpendo al volto un Assistente Capo Coordinatore che sovraintendeva alle operazioni di polizia.
Il collega è stato prontamente accompagnato presso l’ospedale più vicino per essere sottoposto alla prime cure del caso.
Nell’augurare la pronta guarigione del poliziotto coinvolto il Sindacato Si.N.A.P.Pe ritiene, però, la misura oramai colma.
“Episodi di becera violenza sono all’ordine del giorno nell’imbarazzante silenzio dell’Amministrazione Penitenziaria e del Guardasigilli” il commento di Francesco Rubino – Vice Segretario Regionale.
“Ci si affanna molto nel redigere copiose circolari dallo stigma severo e punitivo, più enciclopediche ad onore del vero, piuttosto che concepire ogni attività od operazione all’interno del carcere in un’ottica di prevenzione e di maggiore sicurezza del personale di Polizia penitenziaria”.
Le derive “comportamentali” dei detenuti sono oramai note!
Mettiamo in sicurezza la Polizia penitenziaria!