Concorso interno per vice sovrintendente – Sedi disponibili! Esiti dell’incontro al DAP

Si è svolto nella mattinata odierna l’incontro fra le organizzazioni sindacali e il Direttore Generale del Personale e delle Risorse, teso ad un confronto sull’individuazione delle sedi “disponibili” che saranno indicate nel prossimo bando di concorso per la nomina a vice sovrintendente (aliquota 30%). Va in premessa specificato che i posti messi a concorso sono lievitati leggermente rispetto alle comunicazioni di fine marzo, in ragione degli effetti dello slittamento dei posti non coperti nell’aliquota A della prima annualità. I posti messi a concorso saranno 515 uomini e 68 donne. Nel nostro intervento abbiamo rappresentato tutte le incongruenze che abbiamo registrato incrociando i dati delle informative preventive e di tutte le altre procedure in essere, strettamente connesse alla materia in discussione, giungendo ad affermare che “I TEMPI NON SONO MATURI PER DISCORSI RELATIVI A POSSIBILI SEDI” perché non si conoscono gli effetti del concorso ispettori, non si conoscono gli effetti del concorso aliquota A e soprattutto gli effetti della mobilità ordinaria. L’Amministrazione dal canto proprio ha ribadito con fermezza la volontà di muoversi nel solco di una mobilità, ma ammettendo la fondatezza delle rimostranze emerse durante il confronto ha affermato che l’elencazione delle sedi nel bando – che sarà emanato a breve – sarà meramente indicativa e che le sedi effettive saranno rivalutate all’atto del determinarsi dell’esigenza, anche dopo aver dato corso alle mobilità a domanda ordinarie/straordinarie di coloro che già rivestono il grado di sovrintendente. Se la volontà è quella di agire per riequilibrare le dotazioni organiche, si presti massima attenzione nell’individuazione delle sedi, valutando gli effetti di tutte le procedure, per evitare che si finisca per aggiungere ulteriori disequilibri a danno degli aspiranti sovrintendenti. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.