Conferimento dell’incarico provvisorio di responsabile ufficio Quinto sicurezza e traduzioni del Prap Campania

Illustrissimi in indirizzo,
con nota n. 5775 dello scorso 23 ottobre, questa O.S. affrontava il tema dell’interpello emanato dal Prap di Napoli, su indicazione della DGPR, per il
conferimento dell’incarico provvisorio di responsabile dell’Ufficio Quinto sicurezza e traduzioni del Prap Campania.

Come già indicato nella richiamata nota, pare sia stata proprio la DGPR a
fornire indicazioni procedurali al Prap Campania, richiamando i criteri selettivi fissati nel PCD 9 gennaio 2019.

Al di là dell’ondivago atteggiamento tenuto dal Dipartimento in merito alla valenza del PCD in commento (che mai è stato revocato), un’ulteriore contraddizione si rileva proprio in relazione alla procedura di cui si discute.

A norma dell’art. 1 del PCD 9 gennaio 2019:
     “L’Amministrazione – con cadenza biennale – rileva i posti disponibili suddivisi per ruolo e genere, nelle articolazioni centrali del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (ad esclusione del NIC, GOM, USPEV, Nuclei presso gli Uffici Interdistrettuali e Distrettuali di esecuzione penale esterna), nella Scuola Superiore dell’esecuzione penale, nelle Scuole di Formazione ed Istitui di istruzione, nelle articolazioni centrali del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità, nei Provveditorati Regionali e omologhe strutture minorili.
Alla copertura dei posti vacanti si procede mediante interpello straordinario indetto dall’Amministrazione Centrale”.

Se si ritiene applicabile anche al caso di specie il PDC del 9 gennaio 2019 (come da palesi indicazioni della DGPR) va da se che la procedura avviata dal PRAP di Napoli non risulta in linea con le previsioni vigenti, non avendo il DAP ottemperato ad un proprio atto: rilevazioni dei posti e copertura mediante interpello straordinario indetto dall’Amministrazione Centrale.

Per quanto innanzi specificato, lette le previsioni dell’articolo 1 comma 2 del PCD 9 gennaio 2019, si voglia disporre la revoca dell’interpello temporaneo e l’emanazione ad opera del DAP del relativo interpello straordinario, attesa la vacanza rilevata presso il PRAP Campania.
Si resta in attesa di solerte riscontro e si porgono distinti saluti.