Congedo straordinario per i genitori in caso di sospensione dell’attività didattica in presenza – Richiesta estensione del beneficio

Egregio Direttore Generale,
a seguito dell’emanazione della circolare m_dg. GDAP.2870172021.0033562.U, relativa all’attuazione di alcune specificità inerenti tanto la concessione di congedo straordinario per i genitori in caso di sospensione dell’attività didattica in presenza, tanto della possibilità di svolgere il lavoro in modalità “agile” nelle zone c.d. rosse, ossia ad alto livello di rischio epidemiologico, si tiene ad evidenziare alcuni casi emergenziali per i quali si chiede l’estensione dei benefici anzidetti.

Sappiamo bene che l’allarme relativo alla diffusione delle varianti del Covid-19, ha generato il controllo selettivo su alcune particolari aree del Paese, dove sono state istituite zone rosse che hanno previsto, tra gli altri provvedimenti, la chiusura delle scuole con il ritorno alla DAD, in attesa che la situazione migliori.

Simili restrizioni però sono state decise, a livello locale anche in aree che, sebbene non classificate come “rosse”, hanno destato particolare allerta determinando scelte drastiche, tra cui appunto anche quella di chiudere le scuole di ogni ordine e grado fintanto non sarà somministrata la vaccinazione a tutto il corpo docente.

E’ il caso ad esempio della Puglia, in cui la DAD durerà almeno fino al 5 marzo p.v., della Calabria o di altri comuni inseriti, nonostante tutto, in fascia gialla. A tal uopo, in considerazione di quanto determinato, si chiede alla S.V., di voler valutare la possibilità di estendere il beneficio del congedo straordinario e/o del lavoro agile emergenziale di cui sopra, anche ai dipendenti che risiedono nelle aree interessate dalla chiusura dell’attività didattica in presenza, seppur non inserite ufficialmente nelle zone c.d. rosse.

Certi della precipua importanza che si vorrà concedere all’argomento sollevato, si resta in attesa di cortese quanto sollecito riscontro.
Distinti saluti.