DIPARTIMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA – Gestione delle convocazioni sindacali

Esimio Presidente, è giunta in data odierna l’ufficializzazione della notizia, già comunicata nel corso dell’incontro dello scorso 18 gennaio, relativa all’anticipo dell’incontro FESI ad altra data, già coincidente con i lavori per il varo del nuovo Accordo Nazionale Quadro. La riunione FESI viene, infatti, fissata per le ore 09.30 del 28 gennaio mentre resta confermata per le ore 11.00 la riunione AQN. Rispetto a questo trend il Si.N.A.P.Pe non può che esprimere tutto il proprio disappunto, leggendo in un calendario di tal guisa una compressione delle prerogative sindacali.
Ritenere di racchiudere in un’ora e mezza di discussione (sempre che si rispetti l’orario di inizio) la materia delicata ed importante del FESI è evidentemente utopistico, mentre presumere che si vada ben oltre le ore 11.00 è altamente probabile, di talché è altamente probabile se non certa la presunzione che sui lavori dell’AQN continuerà a registrarsi uno stallo, nonostante l’opportunità condivisa di giungere a definizione del nuovo articolato contrattuale. Il momento della contrattazione, del confronto sindacale, costituisce la parte più spessa del mandato sindacale; attraverso una riduzione della stessa ai minimi termini, quello che si svilisce maggiormente è proprio il contributo che i rappresentanti dei lavoratori possono apportare alle politiche gestionali. Le materie, tutte importanti e degne di ampia attenzione, meritano di essere trattate separatamente; l’accorpamento selvaggio non giova alla discussione e relega il sindacato ad una impropria attività notarile delle scelte dell’Amministrazione. Per questi motivi si chiede di calendarizzare gli incontri in momenti diversi, onde agevolare l’effettività della discussione.