Finalmente l’una tantum, ma perché questi importi?

Finalmente sul cedolino di Settembre il personale di Polizia Penitenziaria, ad esclusione del contingente in forza alla Giustizia Minorile che dovrà ancora attendere, ha trovato il tanto atteso emolumento denominato “una tantum” previsto dall’Art.45 comma 3 dei correttivi sul Riordino delle carriere. Considerato che gli importi – nettamente differenti rispetto a quanto ci si attendeva – hanno generato non poca confusione fra i beneficiari, si riassumono di seguito i punti cardine della norma:

  • Assistenti Capo coordinatori in servizio al 31 dicembre 2019 che non hanno beneficiato di riduzione nella permanenza nella qualifica, di anticipazione alla denominazione di coordinatore euro 315,00. Si tratta di quegli Assistenti Capo in servizio al 31 dicembre 2019 che in virtù del Riordino delle carriere 2017 hanno già percepito l’una tantum di euro 1000,00);
  • Assistenti Capo che hanno raggiunto tra il 02/01/2017 ed il 30/09/2017 l’anzianità di almeno 8 anni nella qualifica euro 800,00;
  • Assistenti Capo che hanno raggiunto tra il 02/01/2017 ed il 30/09/2017 l’anzianità di almeno 12 anni nella qualifica euro 1000,00 (decurtati degli euro 800,00, se percepiti in occasione del Riordino delle carriere 2017, per aver maturato 8 anni nella qualifica);
  • Sovrintendenti Capo coordinatori in servizio al 31 dicembre 2019 che non hanno beneficiato di riduzione nella permanenza nella qualifica, di anticipazione alla denominazione di coordinatore euro 430,00. Si tratta di quei Sovrintendenti Capo in servizio al 31 dicembre 2019 che in virtù del Riordino delle carriere 2017 hanno già percepito l’una tantum di euro 1200,00;
  • Sovrintendenti Capo che hanno raggiunto tra il 02/01/2017 ed il 30/09/2017 l’anzianità di almeno 8 anni nella qualifica euro 1200,00;
  • Sostituti Commissari coordinatori in servizio al 31 dicembre 2019 che non hanno beneficiato di riduzione nella permanenza nella qualifica, di anticipazione alla denominazione di coordinatore euro 540,00; Si tratta di quei Sostituti Commissari coordinatori in servizio al 31 dicembre 2019 che in virtù del Riordino delle carriere 2017 hanno già percepito l’una tantum di euro 1500,00;
  • Ispettori Superiori-Sostituto Commissario che hanno raggiunto tra il 02/01/2017 ed il 30/09/2017 l’anzianità di almeno 4 anni nella qualifica euro 1300,00;
  • Ispettori Superiori-Sostituto Commissario che hanno raggiunto tra il 02/01/2017 ed il 30/09/2017 l’anzianità di almeno 8 anni nella qualifica euro 1500,00 (decurtati degli euro 1300,00, se percepiti in occasione del Riordino delle carriere 2017, per aver maturato 8 anni nella qualifica).

Va precisato che tutti coloro che sono transitati nel ruolo dei sovrintendenti (aliquota A e B), maturando una decorrenza giuridica nel nuovo ruolo interiore al 02.01.2017, non percepiscono l’una tantum.
Stessa cosa vale per tutti coloro che hanno modificato la loro qualifica prima del 31.12.2019 (es. 971 Ispettori).
A disposizione per ulteriori chiarimenti che dovessero rendersi necessari.


LA SEGRETERIA GENERALE Si.N.A.P.Pe