II Casa di Reclusione Milano Bollate – Atto secondo, richiesta rimozione addetto alla compilazione dei servizi

bollate milano carcere casa di reclusione sinappe sindacato polizia penitenziaria

Egr. sig. Direttore, con nostra precedente nota si è doverosamente provveduto a contestare, in maniera dettagliata e circostanziata, l’operato dell’addetto alla compilazione dei servizi del secondo reparto detentivo, resosi protagonista di un comportamento a dir poco censurabile, avendo quest’ultimo la cattiva abitudine di modificare il servizio programmato, variando i propri turni di servizi, a proprio piacimento e a discapito di altri,
creando addirittura disservizi all’interno della struttura penitenziaria (di ciò abbiamo numerose testimonianze).

A titolo esemplificativo, avevamo segnalato la circostanza (uno dei tanti casi) che lo stesso avrebbe proceduto, in data 08 novembre 2020, alla modifica del proprio turno di servizio e di quello di altra unità (compiacente) del medesimo reparto detentivo dal turno precedentemente programmato, 16:00/24:10, al turno 08:00/16:10, distogliendo in tal modo ben due unità dal turno pomeridiano con grave nocumento per la sicurezza del reparto di cui trattasi e di conseguenza dell’intero Istituto di Pena, considerata la nota, e oramai cronica, carenza generale di personale nel turno pomeridiano. La S.V., da tempo avvezza a giustificare l’ingiustificabile, compresa la propria colpevole inerzia, ha riscontrato la nota in argomento (che per una più facile lettura si allega in copia), asserendo che l’addetto ai servizi del II^ reparto era stato preventivamente autorizzato dall’Ispettore di Sorveglianza Generale ad effettuare le variazioni di servizio contestate, sostenendo che tale approvazione sarebbe avvenuta a seguito di una ponderata valutazione dell’Ispettore in questione, il quale avrebbe verificato il rispetto delle norme interne di sicurezza del reparto.

Orbene, alla luce del riscontro fornito del tutto insoddisfacente e per nulla credibile, e comunque preso atto della palese violazione del P.I.L. per quanto concerne il mancato rispetto dei livelli minimi di sicurezza da garantire inderogabilmente nei turni pomeridiani, constatata la totale assenza di esigenze e/o motivazioni a sostegno della variazione dei turni di servizio di cui trattasi, considerato altresì il fatto incontestabile che l’Ispettore che ha provveduto ad autorizzare la variazione qui contestata, in qualità di responsabile della Sorveglianza Generale, stesse espletando un turno di servizio non coincidente con quello delle unità di personale di cui ha autorizzato il cambio turno e che di conseguenza non rientrasse assolutamente nella sua competenza la prerogativa di autorizzare la modifica dei predetti turni di servizio, si chiede alla S.V. di aprire tempestivamente un procedimento disciplinare a carico del sopraccitato Ispettore per le violazioni regolamentari sopra dettagliatamente ed esaustivamente esposte. Sig. Direttore, premesso che la scrivente O.S. non intende assolutamente tollerare alcuna fuoriuscita dal solco delle regole che possa essere finalizzata a garantire privilegi e sacche di impunità, alla luce pertanto di quanto esposto in narrativa, in ossequio ai principi di trasparenza e legittimità dell’azione amministrativa ed a tutela di chi agisce
correttamente e nei margini della legalità, con la presente nota il Si.N.A.P.Pe, ravvisandosi potenziali profili di responsabilità amministrativo/penale a carico di codesta Direzione, procederà, doverosamente e suo malgrado, nel caso in cui tutte le anomalie segnalate in questa e nella precedente nota relativa alla gestione del servizio lavorativo dovessero continuare, come finora accaduto, a non trovare esaustivo riscontro con l’adozione di conseguenti provvedimenti correttivi richiesti.

Al Comandante di Reparto, che legge per conoscenza, essendo il titolare e il responsabile della sicurezza della struttura penitenziaria, si chiede FORMALMENTE di verificare l’operato sia dell’Ispettore in questione ed in particolare modo quello dell’addetto alla compilazione dei servizio, se costoro hanno o meno abusato della loro mansione per i casi segnalati.

Nell’attesa di cortese ed urgentissimo riscontro, l’occasione è gradita per porgerLe deferenti saluti.