IPM di Bologna – Apertura nuovo padiglione – richiesta integrazione organica

 A seguito della visita sui luoghi di lavoro effettuata presso l’I.P.M. di Bologna da una delegazione SiNAPPe in data 05/07/2021, si è potuta constatare l’inopportunità, sia logistica che materiale, di aprire un secondo piano detentivo. La scrivente Organizzazione Sindacale, con la sua delegazione provinciale, aveva già manifestato tutta la propria contrarietà per l’apertura del nuovo padiglione (nota Prot. N. 41/2021/SP-BO) evidenziando una conseguente “riduzione degli spazi necessari per il buon andamento delle attività trattamentali, con eventuali conseguenze sia per quanto riguarda la sicurezza e sia per la grave carenza di agenti di Polizia Penitenziaria che, nonostante tutto riescono a far fronte a tutte le esigenze dell’Istituto grazie al continuo ricorso al lavoro straordinario”. Chiaramente questi non sono i giusti presupposti per far fronte ad un ampliamento del reparto detentivo, considerando appunto che un tale evento porterebbe solo disagio ed ulteriore carico di lavoro all’esiguo Personale effettivamente operante. A tal uopo si chiede di valutare urgentemente una congrua integrazione dell’organico atta a supportare l’apertura annunciata.