Istituti Penitenziari di Brescia – Emergenza meningite – Richiesto urgente supporto

Egregi,
è dovere della scrivente Organizzazione Sindacale chiedere a codeste Autorità, un intervento reale in supporto dei poliziotti di stanza negli istituti bresciani, atto a prevenire rischi sanitari gravi.
E’ noto infatti l’allarme meningite diffuso nel territorio lombardo, tra le province di Brescia e Bergamo a seguito di alcuni casi di infezione, anche mortali, verificatisi di recente.
Le aziende sanitarie locali monitorano costantemente la situazione ed interverranno concretamente, con l’effettuazione di vaccini, sugli studenti di alcuni istituti scolastici.
Un simile supporto si chiede all’Amministrazione penitenziaria a favore del suo Personale; sappiamo tutti infatti come la malattia meningococcica, trasmissibile grazie ad un semplice contatto diretto, attraverso le goccioline respiratorie, spesso si manifesta in giovani adulti, ed in particolare tra quelli che vivono in condizioni di sovraffollamento (come caserme e comunità chiuse).
Il SiNAPPe ha rilevato grande preoccupazione tra i poliziotti che vivono comunque in una situazione favorevole ad un eventuale contagio, senza però tutele a loro protezione.
Appare pertanto opportuno avviare una terapia di profilassi per salvaguardare il personale tutto, al fine di evitare risvolti irrimediabili a danno tanto del singolo che dell’intera comunità penitenziaria.