Nota congiunta – Impiego del personale impiegato in attività di scorta per videoconferenze.

polizzia penitenziaria sinappe sndacato autonomo polizia penitenziaria

Egregio Provveditore,
in riferimento alla nota n° 021911 del 23 Settembre 2020 di pari oggetto, le scriventi OO.SS., dopo essersi confrontate sul contenuto della stessa, sono giunte in modo unanime alla conclusione che il personale impiegato in attività di traduzione e scorta dei detenuti che devono presenziare alle udienze in videoconferenza in altri istituti, non deve essere impiegato in ulteriori servizi.

Le ragioni sottese a chiedere la revoca del provvedimento emanato dalla S.V., consiste nel fatto che, lo stesso, non produce nessuna efficacia a livello operativo e che tale disposizione non è supportata da qualsivoglia norma che le dia connotati di legittimità.

Altresì, le scriventi OO.SS. ritengono opportuno che si preservino le energie del personale suddetto, per la ritraduzione dopo l’udienza, e giova ricordare alla S.V. che alcune di queste, durano anche 12 ore consecutive.

Le scriventi OO.SS., sono favorevoli eventualmente, all’impiego del personale di scorta, a turno, per la gestione dei detenuti all’interno del settore videoconferenze nei casi di necessità, ovvero per assicurare supporto nelle operazioni di vigilanza dei detenuti che stanno scortando.
Cordiali saluti.