Operatori Socio Sanitari negli Istituti Penitenziari – richiesta valutazione proroga impiego

sinappe sindacato autonomo polizia penitenziaria

Esimio Presidente,
Fra gli sforzi compiuti dal Governo per fronteggiare l’emergenza Covid e con essa la connessa emergenza penitenziaria, certamente si è apprezzato l’impiego di un cospicuo numero di operatori socio sanitari nei penitenziari per adulti e minori individuati proprio da codesti Uffici.
La predetta iniziativa ha di fatto consentito il monitoraggio dello stato di salute di tutti coloro che accedono ai penitenziari, evitando che tale incombenza ricada – come in un primo momento è stato – sul già martoriato e carente Corpo della Polizia Penitenziaria.
L’impiego della task force in argomento è destinato a cessare alla data del 31 luglio, tuttavia, in ragione delle ipotesi di proroga dello stato di emergenza su cui sta ragionando il Governo, sarebbe opportuna e gradita una interlocuzione con le autorità politiche affinché venga prorogato anche l’utile servizio in argomento.
Certi della rilevanza che vorrà accordare alla presente segnalazione e della condivisione delle argomentazioni innanzi tracciate, si auspica in un pronto interessamento.