P.R.A.P Piemonte – P.I.D. del 18 dicembre 2018, aggiornato il 3 luglio 2019, Invito alla sperimentazione.

Le Organizzazioni sindacali in intestazione,
nel prendere atto che codesto PRAP, recependo la sentenza del Tribunale di Torino, Sez. Lavoro, dell’11.03.2021, in data 12 maggio 2021, ha annullato il PID del 06/03/2020 e ha dichiarato reviviscente il PID del 18/12/2018, aggiornato il 3 luglio 2019; hanno valutato che il PID aggiornato sulla mobilità il 3 luglio 2019 prevedeva un anno di sperimentazione, ai sensi del comma 5 del suo art. 23, dalla sua entrata in vigore; la vigenza di tale PID poteva considerarsi decorrente solo dal 2 gennaio 2020 poiché, al comma 4 dello stesso art. 23, il suo recepimento, da parte delle direzioni del distretto, aveva quale termine massimo 5 mesi dal 3/7/2019; la CAR del Piemonte del 28 febbraio 2020 e il conseguente nuovo PID del 6 marzo 2020, oggi nulli, avevano cassato il PID del 18 dicembre 2018 aggiornato il 3 luglio 2019 oggi riviviscente; di fatto il P.I.D. del 18 dicembre 2018, aggiornato sulla mobilità il 3 luglio 2019, non ha mai avuto il tempo per la sua naturale sperimentazione. Ciò posto, le scriventi OO.SS.,
INVITANO
codesto Provveditore regionale a dare, senza indugio, immediata formale esecuzione alla sperimentazione del PID in parola ai sensi dell’art. 23, co 5, dello stesso Protocollo. Trascorsi inutilmente tre giorni dalla presente senza un riscontro positivo della presente, queste OO.SS. considereranno tale ritardo come il “continuum” del trattamento antisindacale già oggetto di condanna del Giudice del Lavoro di Torino e si vedranno costrette ad adire nuovamente alle vie legali.