P.R.A.P. TORINO – Incarico di Comandante di Reparto – Richieste urgenti delucidazioni

Esimio Presidente,
la polemica scaturita dai recenti provvedimenti assunti dal Signor Provveditore del Piemonte, non può essere sottaciuta, avendo prodotto sconcerto e malumore.
Secondo una disciplina normativa non ben definita infatti, è stato recentemente nominato Comandante di Reparto presso il Provveditorato di cui sopra, un Commissario di Polizia penitenziaria che in realtà, però, non avrà alcun reparto da coordinare!
Ed ancora parrebbe che un altro funzionario in forza presso il medesimo distretto, dopo un brevissimo periodo di servizio in quel di Aosta, si sia visto concretizzare un distacco per la capitale.
Tutto questo accade in un momento critico per il distretto piemontese-ligure-valdostano, considerando lo stato di agitazione dichiarato dalle OO.SS., l’interruzione delle relazioni sindacali e l’imminente manifestazione preannunciata per la data dell’11 aprile p.v., oltre alla gravissima carenza di funzionari che ha indotto codesto Capo DAP, dopo una visita in Piemonte, a congelare le risultanze dell’interpello straordinario, affinché si provvedesse a sopperirne la carenza presso i 5 Istituti che ne risultano sprovvisti; indicazione a quanto pare non tenuta in conto dal Provveditore locale che, a fronte di più reggenze di comando tenute da uno stesso commissario, dispone di altre unità in maniera incoerente.
Il clima di forte tensione alimentato dagli atteggiamenti di incomprensione posti in essere dal Dirigente Generale de quo, accompagnati da decisioni quantomeno discutibili, non fa altro che aggravare la situazione lavorativa del personale di Polizia Penitenziaria che soffre oggi l’assenza di un Amministrazione quanto mai necessaria.
Alla luce di questi fatti quindi, si chiede l’intervento fattivo di codesto Superiore Ufficio, al fine di risolvere l’ingarbugliata situazione denunciata.