PRAP Milano – Gestione palestra nel periodo Covid19

covid coronavirus sinappe sindacato polizia penirtenziaria

Illustrissimo Sig. Provveditore,
durante la contrattazione sindacale sul Protocollo Regionale per la Prevenzione e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, avvenuta il 9 novembre scorso, in ordine all’emergenza sanitaria covid-19, abbiamo avuto modo di rappresentare alla S.V. difformità di comportamenti da parte dei Dirigenti Penitenziari sul territorio.

La pandemia da COVID-19 viaggia a ritmi impressionanti per numeri di contagi, pertanto, non possiamo permetterci di perdere altro tempo prezioso.

Siamo quindi con la presente a chiederLe chiarimenti circa il fatto se il Personale di Polizia Penitenziaria e la stessa popolazione detenuta possano o meno all’interno della struttura penitenziaria utilizzare la palestra, visto che nel territorio regionale, i Direttori interpretano a proprio piacimento il DCPM del 03 novembre 2020 (chi apre e chi invece chiude).

In proposito, il suddetto DCPM, così come previsto dall’art. 1, comma 9, lettera f) sospende le attività nelle palestre per evitare occasioni di assembramento e/o possibile contagio.

Si chiede pertanto alla S.V. di voler intervenire con le specifiche e dovute direttive, impartendo disposizioni omogenee sul territorio regionale, orientati alla massima uniformità ed in coerenza con il dettato normativo, e non lasciare alle iniziative individualistiche dei dirigenti degli istituti penitenziari. Si ringrazia per la cortese attenzione, e resta nell’attesa di cortese e sollecito riscontro, con l’occasione si porgono deferenti saluti.