Pregiudizio per la sicurezza della C.C. di Messina

casa circondariale di messina sicilia sinappe sindacato polizia penitenziaria

Gentile Presidente,
la scrivente organizzazione sindacale riceve ripetute segnalazioni di gravi episodi d’insofferenza da parte della popolazione detenuta nella Casa Circondariale di Messina, con forte preoccupazione per la tenuta della Sicurezza.

Grazie alla professionalità del personale di Polizia Penitenziaria spesso è evitato il peggio, anche se in alcuni casi l’insofferenza si è pure trasformata in violenza e disubbidienza alle regole dell’O.P..

Presso la Casa Circondariale di Messina il personale di Polizia Penitenziaria è costretto a operare in situazioni di difficoltà, per la contemporanea presenza di diversi detenuti ad alto indice di pericolosità assegnati da altri istituti, con grave pregiudizio per la sicurezza oltre che per l’incolumità del personale.

La situazione va sempre più peggiorando rispetto al passato, il susseguirsi delle insofferenze alle regole penitenziarie, da parte dei detenuti, presso il suddetto Istituto ci è sempre preoccupato e, in più occasioni, sono state fatte le opportune segnalazioni alle SS.LL., al fine di porre un freno all’assegnazione di numerosi detenuti particolarmente in vista e facinorosi per tutta la popolazione detenuta ivi ristretta.

Signor Presidente, la scrivente O.S. Le chiedono di volere dare un segnale tangibile al personale di Polizia Penitenziaria, con atti tali da poter dimostrare che l’Amministrazione nel suo complesso ha a cuore le sorti del personale e delle carceri siciliane con atti visibili e tangibili in termini di sicurezza.

Crediamo che tutto ciò che sia nelle possibilità dell’Amministrazione Locale, sia stato fatto, ma vige una condizione di disagio che non vede all’orizzonte possibilità di riprese, se non alla presenza di una vera presa di posizione, necessaria per il recupero dell’azione positiva nella gestione della Casa Circondariale di Messina, fatta dall’Amministrazione Centrale.

Egregio Presidente, ci permettiamo di poter asserire che l’assenza di azioni importanti da parte dell’Ufficio detenuti negli ultimi tempi, sia centrale sia regionale, ha determinato un vero fallimento, nessun intervento visibile è stato fatto per porre fine ai malesseri e allo sconforto del personale di Polizia Penitenziaria che continua a subire nocumento per le continue erosioni in tutte le attività.

Siamo molto amareggiati del disinteresse che vige per la Casa Circondariale di Messina e la mancata attenzione sulla sicurezza, ma speriamo, ancora una volta, che questa nostra segnalazione possa avere risposta in tempi brevi con azioni positive, richiamando con fermezza le regole.

La situazione peggiora di giorno in giorno e ci obbliga, a noi rappresentanti ma soprattutto all’Amministrazione penitenziaria di non sottovalutare il problema perché la situazione potrebbe precipitare da un momento all’altro ed esplodere come una bomba a tempo.

Il personale è demotivato, oltre che vive una condizione di stress psicofisico per la pressione delle attività cui è sottoposto, per la mancata attenzione e per il disinteresse sin qui dimostrato dall’Amministrazione nei loro confronti.
In attesa di conoscere le determinazioni che la S.V. vorranno adottare, s’inviano distinti saluti.