Sicurezza e salubrità del personale N.T.P. della Sicilia presso le Aule di Giustizia di Palermo

Gentile Provveditore

la scrivente organizzazione sindacale riceve continue sollecitazioni per la tutela del personale di Polizia Penitenziaria che si trova a dover accompagnare i detenuti presso le aule di giustizia di Palermo, al quale talvolta non gli viene data la possibilità di rifocillarsi alla fine delle udienze.

L’ultimo episodio dispiacevole nei confronti del personale di Polizia Penitenziaria impegnato di scorta, proveniente da altri Nuclei della Sicilia è avvenuto proprio nei gironi scorsi.

Pare che, così come rappresentato, l’Ispettore responsabile delle celle disponeva l’immediato rientro in sede, e avrebbe, dapprima negato al personale proveniente dal Nucleo TP di Trapani la possibilità di rifocillarsi prima di rimettersi in viaggio di ritorno, poi solo dopo insistenza e sollecitazioni anche da parte dei capi scorta, lo ha permesso.

Premesso che tutto il personale proveniente da altre realtà siciliane, inizia la propria attività lavorativa almeno alle ore 06,00 del mattino e le udienze, spesso, non hanno termine prima delle ore 12,00, pertanto, lo stesso personale farà sicuramente rientro in sede quando il servizio mensa è già terminato.

Al fine di evitare inutili attriti tra il personale che opera per assicurare la corretta gestione delle attività e il personale gravato da responsabilità per la sicurezza, la scrivente organizzazione sindacale le chiede di dare le giuste disposizioni al responsabile del reparto Aule di Giustizia, attraverso l’U.S.T., al fine di consentire al personale che ne fa richiesta la giusta possibilità di rifocillarsi prima di rimettersi in viaggio di ritorno per le proprie sedi.

Tale utile indicazione, a nostro modesto avviso, elimina radicalmente qualsiasi attrito o possibili difformità nel concedere alcuni minuti di ristoro prima di proseguire le attività di sicurezza.